Skip to content

Le terre di Baronessa vacanze al mare e in montagna Abruzzo - Italia

Casa Vacanze i Giardini di Lilia

 I Giardini di Lilia ti offre la possibilità di trascorrere una vacanza indimenticabile tra le verdi montagne del Parco della Majella.

Visita il sito e sfoglia la nostra gallery

Casa le vipere

 Tutto quello che vi serve per trascorrere una vacanza all'insegna del relax e della quiete.

Visita il sito

Residenza La Bignonia

 Una residenza elegantemente arredata e decorata dalla proprietaria in persona. Un luogo ideale per le tue vacanze estive ed invernali.

Visita il sito

Homepage arrow Arte e cultura arrow Castello Medievale di Roccascalegna
Castello Medievale di Roccascalegna PDF Stampa E-mail
Castello RoccascalegnaIl Castello di Roccascalegna, arroccato su di un imponente masso arenario, domina le colline circostanti da uno strapiombo verticale alto oltre cento metri.

Grazie alle innovazioni tecniche e militari dell’epoca, era conosciuto fin dagli arabi con il nome di “Ruqqah Gawrali”, tanto che ne scrisse nel XII secolo anche il geografo Edrisi ne “Il Libro di re Ruggiero”. Viste le possibilità difensive del luogo, i Longobardi crearono un insediamento che nel periodo Normanno-Svevo (XI-XII secc.) venne potenziato con il vero e proprio castello. Nel XV secolo il maniero risentì dell’avvento delle armi da fuoco e, quindi, dovette essere adeguato a questa nuova minaccia, con la costruzione di torri arrotondate. Nel Castello di Roccascalegna aleggia la leggenda dello “jus primae noctis”, decretato nel 1646 dal barone Corvo de Corvis, il quale reclamava per sé la prima notte di nozze delle spose novelle. Nell’estate 2008, il Castello ospiterà due mostre: la prima inerente il lupo tra il Medioevo e l’800, la seconda riguardante le pozioni delle streghe. Inoltre, prosegue l’esposizione del lanciafiamme bizantino, l’arma da guerra per il lancio del terribile “fuoco greco”.

Etimologia

Il termine Roccascalegna può avere una duplice etimologia. La prima ipotesi, risalente al termine “Rocca-scarengia”,documentato nel Catalogus Baronum nel 1379 come possesso del Conte di Manoppello. Secondo uno studio francese “scarengia”, derivante da “scarenna”, sta ad indicare il fianco scosceso di una montagna. La dissimulazione successiva di r-r in r-l ha dato luogo in tempi recenti alla trasformazione di Scaregna in Scalegna. Altri studiosi propendono per un origine da un nome personale longobardo “Aschari” da cui Rocc.Aschar.enea e, successivamente, Roccascalegna.

Leggenda vuole che in antico vi fosse una scala per entrare nella torre, sistema riportato, peraltro, dallo stesso stemma comunale.

Orari di Apertura del Castello
GIUGNO:
(orari: 10,00/13,00 – 15,00/18,00)
-         Sabato,
-         Domenica,
-         Festivi.
LUGLIO:
(orari: 10,00/13,00 – 15,00/19,00)
-         Tutti i giorni.
AGOSTO:
(orari 10,00/13,00 – 15,00/20,00)
-         Tutti i giorni,
-         Ferragosto orario continuato 9,00/21,00.
SETTEMBRE:
(orari: 10,00/13,00 – 15,00/18,00)
-         Sabato,
-         Domenica,
-         Festivi.
OTTOBRE:
(orari: 10,00/13,00 – 15,00/18,00)
-         Sabato,
-         Domenica,
-         Festivi.
NOVEMBRE:
chiuso tutto il mese. Tranne il 1° Novembre (Aperto).

Tariffe di Ingresso al Castello
BIGLIETTO INTERO  € 3,00
BIGLIETTO RIDOTTO  € 2,00
INGRESSO GRATUITO (Bambini/e dai 0 ai 5 anni (compresi); Accompagnatori di Gruppi in visita e Guide accreditate; Portatori di Handicap; Accompagnatori di Portatori di Handicap; Giornalisti accreditati)

COME RAGGIUNGERCI

A14 uscita Val di Sangro in direzione Castel Di Sangro della ss 652 Fondovalle Sangro, uscita Roccascalegna.

Da Napoli, Autosole uscita San Vittore, proseguire per Castel di Sangro ed oltrepassarla, ss 652 Fondovalle Sangro, uscita Roccascalegna.

 

Previsioni meteo

Click per aprire http://www.ilmeteo.it

Facebook

 

loro regione abruzzo

Patto territoriale sangro aventino

Provincia di Chieti

Parco della Majella logo